Come evitare la tassa sui social media dell’Uganda con una VPN

banca delle fatture ugandesi


Il governo dell’Uganda sta tassando i suoi cittadini per l’utilizzo dei social media. Scopri come aggirare questa imposta e navigare sul Web liberamente e in modo anonimo.

A nessuno al mondo piace pagare le tasse. Ma non tutte le tasse sono uguali: ad esempio, se dovessi pagare un’imposta ogni volta che desideri utilizzare i social media?

Quello è un No GIF dalle GIF di Simoncowell

Sfortunatamente, questa è la realtà per oltre 42 milioni di ugandesi, che ora sono soggetti alla prima “imposta sui social media” al mondo.

Tassa sui social media dell’Uganda

icona di Facebook

A partire da luglio 2018, il governo dell’Uganda ha istituito una tassa su quasi 60 piattaforme di social media, tra cui WhatsApp, Facebook, Instagram e Twitter. Per utilizzare i social media, i residenti di questa nazione dell’Africa centrale devono tossire 200 scellini al giorno, l’equivalente di circa $ 0,054 in valuta statunitense. Moltiplicalo per 365 e ottieni una cifra di circa $ 19,71 all’anno.

Potrebbe non sembrare molto, ma oltre un quarto del pubblico ugandese guadagna meno di $ 1,25 al giorno (la soglia di povertà). E poiché la tassa è un canone forfettario giornaliero, grava in modo sproporzionato sui poveri – rendendo molto più difficile per le persone economicamente svantaggiate ascoltare la propria voce online – o persino per comunicare attraverso il web.

Il governo ugandese afferma che la tassa è necessaria per prevenire i “pettegolezzi” online, il che non è certo una giustificazione per violare la libertà delle persone di esprimersi su piattaforme disposte a fornire loro uno sbocco.

Record dell’Uganda sulla privacy online

Bandiera dell'Uganda dipinta sul muro di mattoni

Anche prima dell’imposta, l’Uganda è stata piuttosto terribile quando si tratta di sicurezza online e privacy su Internet. Ad esempio, il governo ugandese è noto per l’arresto di giornalisti, accademici, studenti e altri cittadini che dicono o fanno cose che le autorità non amano: online e offline.

Per quanto riguarda le piattaforme, durante le elezioni del 2016, il governo ha bloccato i social media e le app di trasferimento di denaro mobile per giorni alla volta. Non solo, ma il governo richiede che gli editori online – compresi i blog – acquistino licenze che costano $ 20 per funzionare. Il “Comitato per il controllo della pornografia” non può vedere la pornografia di alcun tipo dagli ugandesi.

Più preoccupante, il governo ugandese è in grado di sorvegliare le comunicazioni e le attività online degli utenti senza controllo giudiziario.

Se vuoi criticare il governo, usare Internet senza essere monitorato o impegnarti in attivismo politico, la tua libertà di espressione online è non garantito in Uganda. E se supporti la libertà di espressione, la privacy su Internet e la sicurezza online, questa tassa è solo l’ultima di una serie di mosse repressive da parte del governo ugandese.

Come aggirare le tasse e le restrizioni

SaferVPN Devices

Che si tratti di evitare la tassa sui social media o la protezione da ficcanaso gli occhi del governo, ci sono molti motivi per cui potresti voler utilizzare una VPN quando navighi in Internet dall’Uganda.

Come può aiutarti una VPN? Bene, è piuttosto semplice. Una VPN inserisce la tua connessione Internet all’interno di un “tunnel” sicuro e crittografato e ti fornisce un indirizzo IP completamente anonimo. Di conseguenza, nessuno – né il governo, né il tuo ISP – sarà in grado di vedere cosa stai facendo online. Nel caso dei social media ugandesi, ciò significa che il governo non sarà in grado di bloccare la tua attività, dal momento che non saranno in grado di dire cosa stai facendo.

Un altro modo in cui una VPN può migliorare la tua esperienza online: il routing della tua connessione web tramite una VPN ti offre un nuovo indirizzo IP nel paese in cui si trova il tuo server. Ciò significa che se scegli un server con sede negli Stati Uniti, Netflix, Hulu e altri siti di streaming penseranno che ci sei anche tu.

Quindi, anche se potresti non essere in grado di accedere alle piattaforme di streaming internazionali in Uganda, passando a un altro server in un altro paese con un solo clic, avrai accesso a un intrattenimento globale di valore mondiale.

Come proteggere la tua connessione con SaferVPN

È possibile ottenere un account con SaferVPN oggi solo per un po ‘di più rispetto ai costi fiscali annuali. Puoi anche ottenere una prova gratuita di 30 giorni per testare il servizio o se devi solo pubblicare alcuni post rapidi mentre sei in Uganda.

Se utilizzi solo una quantità limitata di dati, puoi utilizzare i social media con le estensioni Chrome o Firefox di SaferVPN gratuitamente per tutto il tempo che desideri.

Invece di finanziare gli sforzi del governo ugandese per rintracciarti online, godrai della totale privacy di Internet. E dal momento che SaferVPN non conserva i registri di ciò che fai sul Web, se il governo ugandese o qualcun altro ci chiede i tuoi record di cronologia di navigazione, non ci sarà nulla da offrire.

Per finire, godrai anche dell’accesso non bloccato a Internet globale, ovvero l’accesso a Netflix, Hulu, BBC iPlayer e altro.

Kim Martin Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map